Home
Informazioni sul nucleare

Mettiamo a disposizione di chi vuole informazioni tecniche sul tema scottante del nucleare il contributo scientifico dell'ARPARivista, la rivista dell'Agenzia Regionale per la protezione dell'ambiente dell'Emilia Romagna che presenta contributi di specialisti su vari aspetti del tema sia pro che contro. E' importante che ognuno si faccia una propria idea e da tecnici riteniamo che la conoscenza tecnica sia il punto di vista da cui partire (cliccate sull'introduzione che vi abbiamo riportato sotto per accedere al sito web di ARPAEM dove troverete i diversi contributi - vi ricordiamo che la rivista è del gennaio 2010):

"Il nucleare,come possibile fonte energetica, è tornato di grande attualità in Italia.

A oltre 20 anni dal referendum con il quale sichiuse l'attività nucleare, in seguito all'incidente di Chernobyl, il Governoha proclamato il ritorno in tempi rapidissimi a tale fonte energetica, dandosiperaltro obiettivi molto ambiziosi, in primo luogo la copertura del 25% delfabbisogno energetico nazionale da fonte nucleare nel 2020. Coerentemente contale impostazione ha promosso accordi internazionali dando nuovo impulsoall'attività di Enel, ha presentato un proprio disegno di legge e ha imposto iterparlamentari particolarmente accelerati.
In altre parole non è che il Governo abbia apertouna discussione politica sulla fattibilità e l'opportunità di utilizzare talefonte per far fronte al fabbisogno energetico del nostro Paese. Ha assuntoprovvedimenti e comportamenti che danno per scontato la scelta fatta, come sefosse praticabile e con risultati predefiniti raggiungibili a prescindere dallealtre opinioni che nel Paese si confrontano.
Sta in questo la grande attualità che i temirelativi al nucleare hanno assunto nel nostro Paese, un'attualità che riguardala generalità dell'opinione pubblica e anche gli esperti, coloro che hannoconoscenza del settore, compresi quelli convinti che il nucleare in prospettivapossa contribuire al cocktail di fonti energetiche necessarie alsoddisfacimento del fabbisogno crescente di energia, ma che si interroganosulla fattibilità di un progetto così costruito, sia nei contenuti questo tipodi reattore sia nei metodi, in diversi fanno notare il bisogno di individuare ecostruire ampie condivisioni, pena la inattuabilità del progetto...."

 Inoltre vi inseriamo il link dell'intervista a Rubbia Nobel per la fisica 

 
La direzione dei lavori nei cantieri di restauro: il mio pensiero

Giovedì 11 novembre -presso la Stazione Leopolda si è svolto un breve dibattito dal titolo  - E' giusto che la direzione dei lavori di un cantiere di restauro venga svolto da uno storico dell’arte?

Moderatore: Muriel  Vervat  restauratrice tele e tavole.

Si, è giusto: Giorgio Bonsanti. E' stato Direttore dellaGalleria Estense di Modena, dei musei dell'Accademia, di San Marco e delleCappelle Medicee, a Firenze. E' stato Soprintendente dell'Opificio delle PietreDure e docente alle Università di Torino e Firenze.
No, non è giusto: Guido Botticelli, restauratore. Docente alla Scuola di Restauro dell'Opificio delle Pietre Dure per il settoredipinti murali dal 1977 al 1988 e ad oggi libero professionista.Il punto di vista del chimico: Lorenzo Appolonia, Chimico della Soprintendenza per i Beni Culturalidella Valle d'Aosta.

di seguito potete leggere il mio pensiero..........

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Pross. > Fine >>

Risultati 7 - 9 di 9