Home arrow NEWS arrow Chiesa di San Filippo Neri, Fermo, il restauro
Chiesa di San Filippo Neri, Fermo, il restauro PDF Stampa E-mail

Si sta per concludere il restauro della navata centrale della chiesa di San Filippo Neri a Fermo.
Notizie Storiche

   

Nel centro storico di Fermo, sul Corso Cavour,si erge la Chiesa di San Filippo Neri, situata accanto al Palazzo di Giustizia ed ex Collegio dei Filippini.

La Congregazione dei Padri dell’Oratorio (poi detta “dei Filippini” alla morte del suo fondatore) fu fondata a Fermo da San Filippo Neri nel 1582 e nel 1594 si iniziò la costruzione della Chiesa. Aperta al pubblico nel 1607, la Chiesa fu edificata per rispondere all’esigenza di spazi più ampi rispetto a quelli già in uso dalla congregazione, e fu realizzata con struttura portante in muratura e capriate lignee a sostegno del tetto, probabilmente inglobando nella nuova fabbrica la Chiesa preesistente.

La pianta subì numerose e importanti modifiche prima del raggiungimento del disegno definitivo e la facciata, impreziosita da un portale in ordine dorico realizzato in pietra d'Istria, non fu mai portata a compimento.

Il cantiere sin da subito incontrò non poche difficoltà a causa della ubicazione dell’edificio: sorge infatti su un dirupo ed ha una poderosa muraglia concepita per sostenerne la struttura, ma ugualmente i cedimenti del terreno, rallentarono i lavori ed i problemi fondali non trovarono comunque soluzione nella realizzazione di robuste strutture in muratura di contenimento e sostegno. Successivamente, causa dell’azione dell’acqua nei secoli, i gravi cedimenti verificatisi nella zona posteriore dell’edificio portarono alla chiusura temporanea della Chiesa al culto, una prima volta nel 1925 e poi successivamente nel 1958.

In conseguenza agli eventi franosi, consistenti lavori di ripristino ed adeguamento hanno interessato le strutture e gli apparati decorativi interni nel secolo scorso, fino all’ultimo “invasivo” imponente intervento di consolidamento realizzato negli anni ’80 le cui “tracce” sono ancora visibili all’interno sull’apparato decorativo. La situazione di degrado fu, infine, ulteriormente aggravata dal terremoto che colpì Fermo nel 1997.

La pianta è a croce latina con transetto iscritto, a navata unica a crociere fiancheggiata da sei cappelle aperte su pilastri cruciformi con volte a crociera e  tutte comunicanti. La struttura centrale è coperta a botte, con lunette che formano finte crociere e sott’archi; il catino absidale ed il transetto, formato da due grandi cappelle, è coperto anch’esso a botte.

Considerata uno dei più importanti esempi di barocco marchigiano, la Chiesa internamente era riccamente decorata con stucchi e dipinti murali su archi e volte, con altari intarsiati in marmi policromi e tele dipinte nelle cappelle, nonché un coro ligneo con organo ottocentesco in controfacciata.

La Chiesa conserva ancora un importante apparato decorativo con stucchi, dipinti murali ed altari marmorei di notevole fattura, oltre all’organo che si presenta ancora in buone condizioni di conservazione.

 

 
< Prec.   Pros. >